I VINI VIGNAMAGGIO

I vini di Vignamaggio vogliono esprimere l’essenza stessa di questo territorio: il nostro obiettivo è quello di trovare persistenza, colore, equilibrio, profumo & la storia di queste colline, in un unico sorso. 


CHIANTI CLASSICO DOCG

TERRE DI PRENZANO

COLORE ROSSO INTENSO, BOUQUET FRUTTATO E FRESCO. AL NASO NOTE DI FRUTTA ROSSA TIPICHE DEL VITIGNO. AL PALATO RETROGUSTO DI MIRTILLO E PRUGNA CON UN LEGGERO SENTORE DI VANIGLIA. VINO DI BUONA STRUTTURA CON TANNINI LEGGERI E FINALE EQUILIBRATO.
IL NOME
Prenzano era un antico podere di Vignamaggio. Le uve del vino Chianti Classico Terre di Prenzano provengono anche da questi terreni, che si trovano a poche centinaia di metri dalla villa con esposizione prevalentemente a sud-ovest.
IL VINO
Terre di Prenzano è un Chianti Classico di annata prodotto unicamente con uve Sangiovese. L’affinamento è di circa un anno in botti di rovere da 20 a 40 ettolitri e si completa con una permanenza in bottiglia di almeno 3 mesi.

SCARICA LA SCHEDA PREMI

CHIANTI CLASSICO DOCG RISERVA

GHERARDINO

COLORE ROSSO RUBINO CON SFUMATURE GRANATO. AL NASO AROMI DI FRUTTA: AMARENE, MORE E CILIEGIE MATURE, TABACCO E SPEZIE. AL PALATO FRUTTI DI BOSCO CON UN TANNINO SOFFICE E BRILLANTE E UN FINALE DI LIQUIRIZIA.
IL NOME
Il nome è dedicato a Gherardino Gherardini capostipite della illustre casata che edificò Vignamaggio nel XIV secolo.
IL VINO
Questo vino viene prodotto con uve Sangiovese per l’80-90% e Merlot per il 10-20%. Dopo le fasi di raccolta e vinificazione, si effettua un affinamento di circa 18-20 mesi in botti e barrique di rovere. Le uve provengono dai vigneti del Prato (Ovest) e di Querceto (Ovest/Sud-Ovest).

SCARICA LA SCHEDA PREMI

CHIANTI CLASSICO DOCG GRAN SELEZIONE

MONNA LISA

COLORE PORPORA SCURO CON BAGLIORI RUBINO. AL NASO È ARMONIOSAMENTE INTENSO, INVITANTE NELLA RICCHEZZA DI FRUTTO TRA NOTE DI CILIEGIE SCURE, PRUGNA E MORA, SOSTENUTE DA NOTE BALSAMICHE MENTOLATE, TABACCO E LIQUIRIZIA. AL PALATO è DELICATAMENTE PIENO, IL TANNINO ELEGANTE E FINE SOSTIENE UN BEL CORPO; FINALE LUNGO E SAPIDO.
IL NOME
La villa rinascimentale di Vignamaggio è opera della famiglia Gherardini, la cui fama è legata alla figura leggendaria di Monna Lisa de Gherardini, la celebre Gioconda ritratta da Leonardo da Vinci tra il 1503 e il 1506. Folclore e storia si fondono e confondono nei secoli a venire: l’assonanza tra Via Maggio a Firenze (luogo di nascita di Monna Lisa) e Vignamaggio, unita al paesaggio ritratto da Leonardo, hanno portato molti a ritenere erroneamente che la Gioconda fosse nata qui. Per questa ragione, ancora oggi, la figura della Monna Lisa è legata a Vignamaggio, che ha voluto dedicarle questo vino.
IL VINO
Il Chianti Classico Gran Selezione viene prodotto solo nelle annate migliori, con le uve aziendali provenienti dai vigneti più vocati, ovvero quelli del Prato (Ovest), Solatio (Sud-Ovest) e Querceto (Ovest / Sud-Ovest). L’uvaggio è costituito da Sangiovese per il 95% e da Cabernet Sauvignon per il 5%. Il vino è affinato in parte in barriques di rovere francese per 18-20 mesi e in parte in botti più grandi. L’affinamento complessivo minimo è di 30 mesi, di cui almeno 6 in bottiglia.

SCARICA LA SCHEDA PREMI

IGT TOSCANA ROSSO

CABERNET FRANC DI VIGNAMAGGIO

PORPORA DALLE SFUMATURE VIOLA E LAMPI RUBINO. UN PROFILO AROMATICO COMPLESSO, RICCO E DEFINITO, DOVE SPICCA LA GRANDE INTENSITA’ DEL FRUTTO CON MIRTILLI, RIBES MATURI E LAMPONI, SFUMATURE DI ERBE AROMATICHE TRA SALVIA, GINEPRO, EUCALIPTO E UNA VENA DI PEPERONE DOLCE TIPICO DEL VARIETALE. AL PALATO è ELEGANTE CON SENTORI DI FRUTTO E SPEZIE: IL CORPO è SCOLPITO DAL TANNINO SUADENTE, TESO E COMPOSTO, E UN FINALE PERSISTENTE.
IL VINO
Vino storico dell'azienda, il Cabernet Franc di Vignamaggio viene prodotto con uve provenienti da viti di oltre quaranta anni, riscoperte per caso negli anni ’90 nei vigneti Solatio (Sud-Ovest) e Orto (Est). Il vino che si ottiene sfugge agli schemi tradizionali, infatti le bassissime produzioni per pianta e il clima piuttosto caldo della zona, rendono questo vino pieno e ricco di tannini eleganti. Il vino è affinato per 18-20 mesi in barriques di rovere francese, in parte nuove e in parte di secondo impiego, per poi proseguire con un lungo affinamento in bottiglia.

SCARICA LA SCHEDA PREMI

IGT TOSCANA ROSSO

MERLOT DI SANTA MARIA

COLORE RUBINO BRILLANTE MA DAL TONO SCURO. AL NASO APPARE INTENSO, CON NOTE AVVOLGENTI DI MIRTILLO E DI LIQUIRIZIA. IN BOCCA E’ PIENO MA NON INVASIVO; I TANNINI SONO SOFFICI E DOLCI, FINALE SPEZIATO.
IL NOME
Dopo oltre 25 anni di coltivazione del Merlot a Vignamaggio, l’azienda ha deciso di dedicargli un cru, espressione del vigneto migliore chiamato appunto Santa Maria a Petriolo, situato poco distante dalla Villa ed esposto ad ovest.
IL VINO
Il Merlot di Santa Maria unisce alle note fruttate del vitigno, l’eleganza e la freschezza tipiche di Vignamaggio e del territorio di Greve. Il vino è affinato per circa 20 mesi in barriques di rovere francese, in parte nuove e in parte di secondo impiego, e successivamente per almeno 6 mesi in bottiglia.

SCARICA LA SCHEDA PREMI

IGT TOSCANA ROSSO

SANGIOVESE DI VITIGLIANO

PORPORA SCURA CON RIFLESSI RUBINO. UN PROFILO AROMATICO INVITANTE, RICCO E DEFINITO, DOVE SPICCANO NOTE DI FRUTTI ROSSI COME CILIEGIA MATURA E FRAGOLA. AL PALATO E' INTENSO CON UNA STRUTTURA ARMONIOSA, I TANNINI SONO EQUILIBRATI.
IL VINO
Sangiovese di Vitigliano è un IGT di annata prodotto unicamente con uve Sangiovese. L’affinamento è di circa un anno in barriques di rovere francese e un anno in botte grande. Si completa con una permanenza in bottiglia di almeno 8 mesi.

SCARICA LA SCHEDA PREMI

IGT TOSCANA ROSSO

MEZZANOTTE

Colore rosso rubino brillante. Al naso caratterizzato da note di frutti rossi e neri e di sottobosco, che si fondono con le note speziate di liquirizia, noce moscata e cuoio. Vino di buona struttura e morbidezza, armonico con tannini vellutati. .

IL NOME
Dark red, almost black at times, it smells like midnight in the wilds of Tuscany.

IL VINO
Rosso rubino brillante. Al naso sentori di sottobosco e frutti di bosco rossi e neri uniti a note speziate di liquirizia, noce moscata e cuoio. Un vino strutturato e morbido, equilibrato con tannini vellutati. .

SCARICA LA SCHEDA

IGT TOSCANA ROSATO

ALBALUCE

COLORE ROSA TENUE BRILLANTE. PROFUMO PIACEVOLMENTE FRUTTATO. AL PALATO SI PRESENTA MOLTO FRESCO E LEGGERMENTE SAPIDO CON NOTE DI PICCOLI FRUTTI ROSSI TIPICI DEL VITIGNO E ROSA CANINA.
IL NOME
Il nome Albaluce descrive perfettamente il colore luminoso e perlato del Rosé di Vignamaggio.
IL VINO
Albaluce è un vino rosato, che viene prodotto da uve Merlot e Sirah provenienti dai vigneti aziendali e vendemmiate a fine settembre. Dopo una pressatura soffice, il mosto svolge la fermentazione alcolica “in bianco”, ossia senza la presenza delle bucce, in un serbatoio di acciaio inox alla temperatura controllata di 18-20 gradi. Il vino rimane nell’acciaio per circa sei mesi, trascorsi i quali viene imbottigliato.

SCARICA LA SCHEDA

IGT TOSCANA BIANCO

TRAMONTE

DAL COLORE GIALLO PAGLIERINO CARICO, IL VINO PRESENTA DELICATI SENTORI DI FRUTTA E DI ERBE OFFICINALI INSIEME AD UNA CORPOSITÀ CONSISTENTE.
IL NOME
Il bianco Tramonte sta all’opposto del rosato Albaluce come l’alba al tramonto. Due modi diversi di gustare le espressioni più fresche dei vini di Vignamaggio.
IL VINO
Uve Chardonnay per un vino fresco che non esita a tirare fuori la sua struttura e mineralità, con note aromatiche di Biancospino che ci riportano alle siepi campestri che circondano i vigneti a Vignamaggio.

SCARICA LA SCHEDA

VINSANTO del Chianti Classico D.O.C.

IL VINO HA UN COLOR GIALLO ORO CON RIFLESSI AMBRATI, IL PROFUMO RICORDA TIPICAMENTE IL MIELE E LA FRUTTA SECCA; AL GUSTO SI PRESENTA CALDO, INTENSO, MARCATAMENTE DOLCE, MA SOSTENUTO DA UNA BUONA ACIDITÀ.
IL NOME
In Toscana il Vinsanto è il vino dell’accoglienza: viene infatti spesso offerto fuori pasto agli ospiti o a tavola per accompagnare pasticceria secca o formaggi erborinati. Sull’origine del nome sono state fatte varie ipotesi, nessuna però attestata: vino miracoloso che alleviava le pene dei malati di peste, vino simile a quello di Xantos, isola greca dove veniva prodotto il passito oppure, più semplicemente, il vino della Messa; l’etimologia del Vinsanto è ancora oggi intrisa di mistero.
IL VINO
Il Vinsanto, che si produce dalle varietà a bacca bianca Malvasia Lunga del Chianti e Trebbiano Toscano, rappresenta una produzione tradizionale del Chianti. Le uve, dopo l’appassimento naturale di tre mesi in un ambiente aerato, vengono pressate ed il mosto ottenuto è posto senza le bucce, dopo una leggera decantazione, in piccole botti di rovere (caratelli) della capacità di 75-100 litri, dove fermenta e dove rimane per almeno quattro anni, al termine dei quali si imbottiglia. Il vino presenta sempre un residuo zuccherino più o meno importante secondo l’annata.

SCARICA LA SCHEDA